fbpx
SEO

Quanto dovrebbe essere lunga la Meta Description

By 7 Ottobre 2018 No Comments
seo meta description

 

L’ottimizzazione della meta description è un aspetto importante per la SEO.

La Meta descrizione è un insieme di attributi HTML che forniscono spiegazioni concise sui contenuti delle pagine web e devono essere correttamente ottimizzate dato che espletano un ruolo importante: stimolare i visitatori a fare clic sui link ed a visitare le pagine web.

 

 

Pur non essendo importante per il posizionamento sui motori di ricerca, la Meta descrizione è estremamente importante per ottenere click through rate dalle pagine dei risultati dei motori di ricerca (SERP).

 

Sei pronto per dedicare il tuo tempo a capire come ottimizzare la Meta Description?

Quanto dovrebbe essere lunga? Scopriamolo in questa guida dedicata.

 

 

Ecco i sei errori più comuni che si commettono quando si scrive una meta descrizione.

 

Meta descrizione: Best Practice SEO Copywriting

La Meta Description dà la possibilità ai webmaster di pubblicizzare contenuti a chi fa ricerche e consente agli utenti di capire il topic trattato dalla pagina.

Infatti, espleta una funzione di testo “pubblicitario”, deve attrarre i lettori ed è una parte estremamente importante del search marketing.

 

 

La Meta description deve contenere parole chiave (keyword), ma anche creare una descrizione quanto più convincente ed accattivante per indurre un visitatore a fare clic sulla pagina.

 

Per massimizzare i tassi di click-through sulle pagine dei risultati dei motori di ricerca, è importante notare che Google mostra le parole chiave in grassetto nella descrizione quando corrispondono alle query di ricerca.

 

6 errori da evitare quando si scrive la Meta Description

Errore #1.: meta description duplicate

Anche se duplicare la meta descrizione non comporta alcuna penalizzazione, dovrebbe essere unica.

Secondo Google:
Le migliori meta descrizioni sono brevi descrizioni che descrivono accuratamente il contenuto della pagina. È importante scrivere un messaggio che sia unico e consenta, al contempo, di incrementare il traffico ed il CTR.

 

Se le pagine hanno meta descrizioni simili o duplicate, alla fine fuorviano gli utenti, i quali non sono stimolati a cliccare sul link.

 

Se non si ha sufficiente tempo per scrivere la meta descrizione per ogni pagina, si può consentire a Google di generarle automaticamente. In base alla query, Google estrae parti pertinenti del contenuto della pagina da includere nello snippet.

 

È preferibile avere meta descrizioni uni che per le tue pagine principali, come la tua home page, le pagine delle categorie e le pagine più efficaci con contenuti, prodotti o servizi.

 

 

Come escamotage, si può anche generare automaticamente meta descrizioni per pagine più o meno simili. Basta cambiare una singola parola chiave per ottenere ottime meta descrizioni.

 

Errore #2.: essere ossessionati dal numero dei caratteri

Per molti anni, la migliore pratica SEO era quella di scrivere una meta description contenente circa 135-160 caratteri, dal 2017 si può includere fino a 320 caratteri.


L’importante, in ogni caso, è non perdere troppo tempo nella scrittura ed essere ossessionati dal conteggio del numero dei caratteri da includere nella meta descrizione.

 

Errore #3.: non utilizzare parole chiavi (Keywords)

Le meta descrizioni dovrebbero sempre includere le parole chiavi giuste. È importante includere keyword rilevanti per il contenuto di una pagina.

Se la meta descrizione non è pertinente ad una pagina, Google inserisce automaticamente la prima frase contenente una parola chiave e la mostra nei risultati della ricerca.

 

Ad esempio, ammettiamo che si voglia ricercare contenuti informativi sulla “produttività”, avviando la ricerca si può visualizzare la seguente descrizione:

Come si può notale Google ha inserito la prima frase con la parola chiave “produttività“.

 

Le meta descrizioni devono essere allineate al titolo di una pagina e devono essere pertinenti al contenuto della pagina.

Altrimenti, le descrizioni risultano troncate e irrilevanti per soddisfare le esigenze informative degli utenti.

 

Errore #4.: non ottimizzare per rich snippet

L’ottimizzazione dei dati strutturati è fondamentale: grazie al rich snippet, le meta descrizioni riescono a distinguersi più facilmente dalla concorrenza.
Guarda questo esempio:

 

Esistono diverse tipologie di schemi che è possibile utilizzare per ottimizzare le pagine, ma i più comuni sono:

  1. Revisione
  2. Prodotto
  3. Offerta
  4. Localizzazione geografica
  5. Attività economia
  6. Persona
  7. Evento
  8. Lavoro creativo

 

Inoltre, si può utilizzare anche altri interessanti strumenti, come:

  1. Schema Markup Generator
  2. The Ultimate Web Code Generator
  3. Strumento di test per i dati strutturati di Google

 

In breve, i rich snippet possono fare davvero la differenza in termini di qualità della meta descrizioni. Assicurati di procedere all’ottimizzazione.

 

Errore #5.: evitare tabelle HTML per le query

Poiché la finalità principale di Google è quella di “organizzare le informazioni e renderle universalmente accessibili e utili a tutti navigatori”, il motore di ricerca privilegia naturalmente i siti Web che forniscono risposte dirette agli utenti.

 

Detto questo, si capisce che le tabelle HTML possono aiutarci a ottenere un vantaggio rispetto alla concorrenza. Basta confrontare, ad esempio, due risultati di ricerca per “Samsung Galaxy S8 plus specifiche” come mostrato di seguito:


Come si può capisce dalla visualizzazione, il secondo risultato di ricerca è di gran lunga più descrittivo.
Questo risultato mostrato sotto forma di tabella fornisce una risposta diretta ed è conveniente per gli utenti che effettuano ricerche.

 

Non c’è da meravigliarsi se Google lo colloca in cima ai risultati di ricerca, addirittura sopra la pagina Samsung Galaxy S8 Plus di Samsung.com.

 

È importante identificare le query di ricerca basandoti su specifiche domande, prepara risposte dettagliate, implementa HTML con dati strutturati e puoi beneficiare delle migliori posizioni nella SERP.
Tutto ciò di cui hai bisogno è imparare alcune nozioni di base sulla tabella HTML ed essere esperto nel markup dei dati strutturati.

 

Errore #6.: non essere noioso

Questa meta description ti suona familiare?


Impara a scrivere meta descrizioni creative: non solo ti aiuterà a distinguerti tra la folla, ma aumenterà anche il traffico, il CTR e le conversioni.

 

Le meta descrizioni dovrebbero sembrare quanto più naturali possibili: non devono essere aggiungete troppe parole, è bene evitare “forzature”.

 

È un’ottima strategia includere numeri, simboli e caratteri speciali. Le meta descrizioni che contengono numeri generano il 73% in più in termini di coinvolgimento.


Non solo numeri, ma è importante includere anche caratteri diversi dalle lettere (ad esempio simboli, caratteri speciali, emoji, ecc.): ciò può aiutarti a indirizzare i tuoi visitatori ad aprire le pagine web del tuo sito o blog aziendale.

 

Ok, adesso sei pronto per scrivere una meta description ad hoc!

 

Luca Pioggiosi

Author Luca Pioggiosi

Passo più tempo online che con gli amici. Forse esagero o forse è semplicemente ciò che amo fare. Da 10 anni ormai mi occupo di comunicare alle aziende e ai professionisti, quanto sia importante oggi avere una presenza e un'identità ben precisa online. Nell'animo sono effettivamente un pò nerd!

More posts by Luca Pioggiosi

Lascia un commento:

Leave a Reply

*

blog domidia

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani aggiornato sulle ultime novità dell’online marketing.

Il giovedì nella tua posta!

Grazie mille, iscrizione avvenuta correttamente!