Content MarketingSEO

SEO copywriting: i nostri consigli per una scrittura efficace

By 25 Marzo 2019 No Comments
seo copywriting

Ogni canale di comunicazione si caratterizza per l’uso di un linguaggio proprio che – chiaramente – deve risultare cucito su misura per i suoi destinatari.

 

Esistono delle tecniche di scrittura specifiche per ogni strumento e, in particolare, anche per i contenuti destinati al web, contesto nel quale è fondamentale l’attività di SEO Copywriting.

 

Creare contenuti di qualità ad esempio per il tuo blog, che siano nuovi ed originali ed attirino l’attenzione degli utenti significa anche strizzare l’occhio ai motori di ricerca e, di conseguenza, scalare le posizioni nella SERP.

 

Ma, paradossalmente, questo non basta: infatti, oltre a scrivere bene, sarà determinante ottimizzare i contenuti realizzati in ottica SEO (Search Engine Optimization), con l’obiettivo di incrementare – giorno dopo giorno – il traffico di utenti.

 

La SEO Copywriting impone l’apprendimento di alcune tecniche mirate a garantire l’ottimizzazione mediante diverse parole chiave, che dovranno essere oggetto di uno studio approfondito.

 

Per aiutarti a migliorare il tuo posizionamento, di seguito, ti forniamo alcuni suggerimenti che – qualora tu abbia l’obiettivo di aumentare il traffico di utenti – ti saranno veramente molto utili.

 

Vediamo insieme quali sono le 6 principali regole per un perfetto svolgimento dell’attività di SEO Copywriting.

 

Articoli Pronti: il nuovo e unico servizio di Ghostwriting per il tuo blog e quello dei tuoi clienti

 

SEO Copywriting: 

6 principali regole da seguire per eccellere sul web

 

#1. Interrogati sempre sulle intenzioni di ricerca degli utenti:

Il primo passo che gli internauti compiono per soddisfare le proprie esigenze sul web è quello di interrogare i motori di ricerca.

 

Ed è proprio sulle query che deve focalizzarsi la vostra attenzione: chi è l’utente e quale scopo intende raggiungere?

 

Per rispondere a questa domanda, dovrai procedere all’analisi delle parole chiave ricercate e, in base anche all’attività volta dai competitor, decidere come sarà meglio posizionarsi in relazione ad un determinato argomento.

 

Spulcia il contenuto e presta attenzione alla struttura dei siti che occupano le prime posizioni della SERP per trarre spunto anche per la tua pagina!

 

Ciò non significa “copiare ed incollare” il contenuto degli altri siti concorrenti, ma si tratta di una strategia che ci consente di capire quale tipologia di contenuti viene maggiormente “premiata” da Google.

 

Di conseguenza, impariamo a strutturare un post ed a sviluppare contenuti editoriali di qualità.

 

 

#2. Contenuti di qualità

Soddisfare le ricerche degli utenti e rispondere alle loro esigenze sono le attività “premiate” da Google: ecco perché si parla di contenuti di qualità, che rispondono anche alle caratteristiche di originalità, completezza e professionalità risulteranno più apprezzati rispetto a quelli scritti in modo sciatto o superficiale.

 

Per quanto riguarda i contenuti già inseriti nelle diverse pagine, un professionista specializzato nella scrittura sul web in ottica SEO saprà suggerire cosa fare per migliorarli.

 

Per assicurarsi un buon numero di visitatori, un sito web deve presentare aggiornamenti costanti, soprattutto a livello di contenuti sempre “freschi” e ben sviluppati.

 

Solo pubblicandone di nuovi, gli utenti saranno invogliati a tornare a visitare periodicamente il sito web e a seguire un blog con costanza.

 

Le tecniche della SEO Copywriting, quindi, vi permetteranno di argomentare nel modo migliore possibile i contenuti realizzati che, conseguentemente, piaceranno a Google e vi faranno guadagnare posizioni.

 

 

#3. Keywords: la “parola chiave” della SEO Copywriting

L’analisi e la scelta delle parole chiave con cui posizionarsi sono chiaramente passaggi fondamentali: l’importante, però, è che vengano evitate eccessive forzature; infatti, non sarà necessario ripetere continuamente la keyword ma – piuttosto – rendere piacevole il contenuto grazie ad una scrittura naturale, che farà emergere la parola chiave perché coerente con l’argomento trattato.

 

Via libera anche ai sinonimi ed all’uso strategico delle keywords che dovranno essere contenute nel titolo, nella meta description, nei paragrafi e nelle immagini.

 

Imparare a trovare le keywords facendo le giuste analisi e le giuste riflessioni aiuta a:

• sviluppare uno o più contenuti
• impostare la struttura di un sito/blog (architettura dell’informazione, sezioni, menu di navigazione, UX, categorie, tag, etc.)
• impostare un piano di content ed inbound marketing (piano editoriale, automazioni etc.)
• individuare una nicchia di mercato

 

#4. Scelta del titolo: la base della SEO Copywriting

Il titolo è una sorta di biglietto da visita ed è da esso che dipende gran parte del traffico.
È chiaro che proprio al titolo è affidato il compito di attirare l’attenzione degli utenti e – per essere valido ed utile in ottica SEO – dovrà essere scelto con qualche accorgimento.

 

Oltre ad essere breve, sarà necessario che sia accattivante ed efficace per indurre l’utente al click ed alla lettura.

 

Esempi di titoli che riscuotono molto successo sono quelli che:

– indicano le liste (“5 segreti per dimagrire velocemente”)
– contengono domande (“Vuoi perdere 3 kg in 2 giorni?”)
– includono il “come” (“Come perdere peso”)
– contengono negazioni (“i cibi da NON mangiare per perdere peso”)
– contengono le parole “segreti/strategie/ trucchi” (“i 3 segreti per dimagrire in fretta”)

 

#5. Rendere il testo adatto al web: lunghezza ed espedienti

La lunghezza giusta dipende sempre dall’argomento trattato e non è mai universalmente valida. Pertanto, la regola principale da non trasgredire affinché un testo sia leggibile e scorrevole è quella della completezza.

 

Un consiglio da seguire per rendere un testo SEO-friendly è quello di ricorrere all’uso di tabelle o elenchi e all’inserimento di video che contribuiscono a rendere unica la pagina.

 

#6. Collegamenti ipertestuali: link interni oppure esterni?

In realtà, i link sono necessari sia per fare in modo che l’utente trascorra più tempo possibile sul sito grazie a collegamenti interni, sia affinché Google valuti positivamente le connessioni ad altri siti affidabili ed autorevoli (link esterni).

 

Un link esterno è utile se conduce a una risorsa di approfondimento tematico oppure alla fonte bibliografica che conferma una tesi o i risultati di una ricerca presente nel post.

 

 

E, allora, adesso che hai fatto tesoro delle 6 principali regole per scrivere sul web in modo efficace e vincente, mettile subito in pratica!

 

 

Luca Pioggiosi

Author Luca Pioggiosi

Passo più tempo online che con gli amici. Forse esagero o forse è semplicemente ciò che amo fare. Da 10 anni ormai mi occupo di comunicare alle aziende e ai professionisti, quanto sia importante oggi avere una presenza e un'identità ben precisa online. Nell'animo sono effettivamente un pò nerd!

More posts by Luca Pioggiosi

Leave a Reply

*

Ciao sono Luca, Digital Manager di Domidia. Come posso aiutarti?
Invia su WhatsApp
error: FENOMENO! CONDIVIDI invece DI COPIARE ;-)

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani aggiornato sulle ultime novità dell’online marketing.

Il giovedì nella tua posta!

Grazie mille, iscrizione avvenuta correttamente!