fbpx
Digital MarketingeCommerce

Un eCommerce di successo è come un bel tavolo che…?

By 10 Luglio 2018 No Comments
sitoweb ecommerce

 

UN ECOMMERCE DI SUCCESSO è come UN BEL TAVOLO che ha bisogno di quattro solide gambe.

Si ha capito bene!

 

Le 4 gambe che permettono ad un tavolo-ecommerce di reggere, in modo solido, i pesi che si appoggiano su di esso sono:

 

⇒ I prodotti

 

La prima domanda che dobbiamo porci prima di affrontare l’avventura di operare con vendite online è:

 

“Perché qualcuno dovrebbe comprare i miei prodotti sul web invece di acquistarli o acquistarne di simili in negozio o al supermercato?”

 

Le risposte del negoziante online potrebbero essere molteplici:

 

  1. perché i prodotti sul mio sito costano mediamente meno
  2. perché l’acquirente li può comprare seduto sul divano e se li trova consegnati direttamente presso il proprio domicilio senza spostarsi per andare in negozio
  3. perché sono prodotti particolari, difficili da trovare
  4. perché spesso sono in offerta
  5. ecc.

 

Porsi queste e altre domande e ragionare sulle possibili risposte è assolutamente necessario per determinare se i prodotti in questione sono realmente vendibili online ed eventualmente con quale modalità.

 

Inoltre è assolutamente necessario fare una ricerca on line attraverso opportune keyword per capire quanto un prodotto sia popolare in rete.

 

Una volta presa la decisione di vendere online ci si deve poi chiedere:

 

“Perché qualcuno dovrebbe comprare dal mio sito e non da quello di un concorrente?”

 

In questo caso è estremamente importante effettuare un’analisi della concorrenza sia per quanto riguarda i prezzi degli articoli venduti sia per i metodi di vendita (ad esempio come si comportano nel servizio di consegna).

 

Per le prime analisi conviene comunque affidarsi ad operatori esperti e qualificati che sappiano cosa cercare e come cercare le informazioni necessarie.

 

L’organizzazione della vendita

Un negozio online è un’organizzazione commerciale simile a tutte le altre organizzazioni, all’interno della quale sono inserite le tipiche funzioni che possono essere ricoperte da una stessa persona o da più persone in base alla dimensione aziendale.

Ci saranno sicuramente:

 

  1. La gestione ordini che raccoglie le richieste di acquisto online
  2. La produzione (quando non è un sito di solo rivendita) che realizza i vari prodotti o per la vendita diretta o per il magazzino
  3. La spedizione dei prodotti richiesti
  4. La gestione dei Fornitori: soprattutto per quei prodotti non di propria produzione

 

Il perfetto funzionamento della macchina organizzativa è però nell’ecommerce, molto più importante che nei sistemi di vendita tradizionali soprattutto per un banale motivo: l’acquirente online paga generalmente in anticipo (a meno di vendite tramite contrassegno) e quindi, non conoscendo personalmente il venditore e non vedendolo in faccia come in un negozio tradizionale, entra “in ansia”: ansia che sarà ovviamente proporzionale al valore dell’acquisto.

 

Pertanto ad esempio avere un sistema organizzativo che permetta la puntuale consegna nei tempi stabiliti è non solo importante come nelle vendite tradizionali, ma indispensabile: un ritardo di consegna non comunicato o peggio ancora una mancata consegna possono rappresentare un disastro reputazionale che può propagarsi in modo virale attraverso il web e vanificare anni di lavoro.

 

⇒ Il sito di eCommerce

Oggi è molto facile costruire un sito di vendite online: vi sono decine di piattaforme, la maggior parte open source, che permettono anche ai meno “informatici” di realizzarne uno proprio.

 

Scopri Dshop – Crea il tuo eCommerce -> Diventa subito un imprenditore digitale

 

Il problema è farlo in modo che rappresenti uno strumento efficacie e non, come spesso succede, un ostacolo alla vendita online.

 

Le principali caratteristiche di cui bisogna tenere conto e che possono fare la differenza sono:

 

  1. La struttura del sito : ad esempio troppi prodotti o troppe categorie o sottocategorie possono confondere l’utente che spesso cerca uno specifico prodotto. Analogamente una eccessiva mescolanza di pagine prodotto e pagine vetrina possono disorientare il navigatore.
  2. Immagini di qualità ed informazioni esaustive: per un’ ecommerce, queste due caratteristiche risultano essere fondamentali per tradurre un potenziale acquirente in un acquisto effettivo.
  3. La visibilità su ogni dispositivo: cioè che sia un sito “responsive” in quanto come accennato prima, la stragrande maggioranza ormai naviga attraverso dispositivi mobili.
  4. La velocità di navigazione: a partire dal caricamento della Home Page fino al passaggio da una pagina all’altra. Studi recenti sul comportamento degli internauti hanno rilevato che Il 59% dei navigatori sono disposti ad aspettare non più di cinque secondi per il caricamento di una pagina web prima di lasciare il sito per non tornarci più.
  5. Un buon posizionamento: che si ottiene attraverso una accurata impostazione SEO del sito che permetta di facilitarne la visibilità sui motori di ricerca

 

La comunicazione commerciale

 

Si può avere un fantastico sito di eCommerce che offre il miglior prodotto oggi sul mercato ma se nessuno sa che esisti nessuno verrà a comprare da te.

 

E’ necessario quindi trovare i giusti strumenti per farsi conoscere: ogni strumento ha una propria peculiarità e deve essere utilizzato in funzione degli obiettivi che si vogliono raggiungere. Le tre principali tipologie sono:

 

  1. Google AdWords: è lo strumento pubblicitario più utilizzato dagli eCommerce (e non solo) di tutto il mondo. Serve ad intercettare soprattutto la Domanda Consapevole cioè coloro che “conoscono già ciò di cui hanno bisogno” e quindi cercano ciò che serve loro, ad esempio, attraverso i motori di ricerca utilizzando opportune parole chiave. La validità di un sito sta proprio nel favorire a proprio vantaggio questo tipo di ricerca utilizzando in modo opportuno le tecniche SEO (Search Engine Optimization).
  2. Social Media Marketing: si occupa di generare visibilità su social network quali Facebook, Twitter, Google+, YouTube, Linkedin, Pinterest, Instagram ecc. Serve ad intercettare soprattutto la Domanda Latente cioè quella che determina un bisogno inespresso e che stimolato opportunamente attraverso ad esempio campagne pubblicitarie sui social network, può trasformarsi in Domanda Consapevole.
  3. Email Marketing: che, nonostante l’uso (a volte abuso) che ne è stato fatto rimane ancora un valido strumento di comunicazione pubblicitaria. La sua efficacia è però superiore quando è diretto a clienti che hanno già avuto un contatto con l’azienda perché in questo caso diminuisce la probabilità che le email siano rigettate senza essere aperte.

 

Questi sono solo alcuni dei tanti metodi che si possono utilizzare per farsi conoscere.

 

Qualunque strumento si utilizzi (anche in combinazione) è assolutamente necessario effettuare una valida Strategia di Web Marketing e soprattutto un Monitoraggio Sistematico basato su una rigorosa Analisi dei Dati al fine di modificare opportunamente le azioni necessarie ad aumentarne l’efficacia e non sprecare inutilmente risorse soprattutto economiche.

 

Se hai domande o suggerimenti, come sempre, non esitare a lasciare il tuo messaggio nella sezione commenti qui sotto.

 

Luca Pioggiosi

Author Luca Pioggiosi

Passo più tempo online che con gli amici. Forse esagero o forse è semplicemente ciò che amo fare. Da 10 anni ormai mi occupo di comunicare alle aziende e ai professionisti, quanto sia importante oggi avere una presenza e un'identità ben precisa online. Nell'animo sono effettivamente un pò nerd!

More posts by Luca Pioggiosi

Lascia un commento:

Leave a Reply

*

blog domidia

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani aggiornato sulle ultime novità dell’online marketing.

Il giovedì nella tua posta!

Grazie mille, iscrizione avvenuta correttamente!